Quaderni

Gestire il rischio clinico per prevenire i conflitti

Stampa
PDF

Gestire il rischio clinico per prevenire i conflittiSbagliando si impara, anche in medicina. Perché se non si può impedire che certi errori accadano, si deve comunque cominciare a riconoscerli, ad analizzarli e a fare in modo che non si ripetano. Oppure si può partire dall'analisi dei rischi che si corrono ogni giorno in corsia, per gestirli a monte, nell'ottica di una maggiore sicurezza delle nostre azioni. Riconoscere e gestire gli errori clinici è un'esigenza sempre più pressante nella medicina attuale, dove l'ospedale si è fatto azienda e il malato contratta con il medico il percorso delle cure che dovrà affrontare. Ma la salute è una merce delicata. E al giorno d'oggi gli errori dei medici vengono portati in tribunale. Per questi motivi, è importante riflettere sull'informazione che diamo ai pazienti e sull'importanza del loro consenso consapevole. Ma anche sulla nostra capacità di prevenire le situazioni pericolose, di correggere gli errori e di fare tesoro delle esperienze nostre e degli altri. Il testo raccoglie i contributi al convegno che si è tenuto a Modena il 27 novembre 2003.

156 pagine, 12 euro

Minori d'età maggiori in diritti

Stampa
PDF

Minori d'età maggiori in dirittiOspedale e bambini: un binomio tanto stridente quanto inusuale, che costringe a ripensare il rapporto tra il paziente e la struttura che lo ospita. Una struttura di solito gestita e organizzata a misura di adulto. Che valori hanno le scelte e le preferenze dei bambini e degli adolescenti nell’ambiente ospedaliero? Quale grado di coinvolgimento si può assicurare ai minori di fronte ai problemi di salute che li riguardano? Che tipo di struttura o di organizzazione può facilitare il rispetto dei diritti dei più piccoli? Sono domande che rimandano a un aspetto essenziale della relazione di cura, fondato sull’empowerment del soggetto malato, adulto o bambino che sia, sulla sua capacità di liberare risorse da mettere in gioco nella partita verso la guarigione. Una partita che vede coinvolti non solo la famiglia, ma anche gli operatori sanitari, i bioeticisti, gli psicologi e gli educatori.

155 pagine, 13 euro

L'azione e la parola

Stampa
PDF

L'azione e la parolaChi lavora nel settore della medicina della riproduzione e della cura dell’infertilità sa quanto delicato e complesso sia questo campo e quanto coinvolgente sia la relazione che si stabilisce tra curati e curanti, quanto sia indispensabile che la relazione di cura costruisca una solida alleanza terapeutica. La procreazione medicalmente assistita riguarda aspetti della vita che implicano un forte coinvolgimento, emotivo, psicologico, sociale. Il progetto riproduttivo è, infatti, uno dei progetti centrali per l’identità delle persone e attorno ad esso si concentrano sforzi, preoccupazioni, ansie. La salute riproduttiva è speciale, obbliga chiunque intende confrontarsi con essa ad affrontarla utilizzando strumenti di diagnosi e di terapia che siano i migliori disponibili sotto il profilo tecnico e strumentale, delle risorse umane, della sensibilità, della disponibilità all’ascolto. Consapevoli di questa criticità, a questi temi abbiamo sempre dedicato attenzione. I materiali contenuti in questo libro derivano in gran parte dai seminari formativi rivolti agli operatori che Tecnobios Procreazione ha realizzato nel corso del 2003 e del 2004. Ci sono sembrati materiali interessanti e utili, per questo abbiamo pensato fossero degni di essere raccolti in una sede unitaria e pubblicati.

107 pagine, 9 euro

Il malato, l'ospedale, la famiglia

Stampa
PDF

Il malato, l'ospedale, la famigliaLa famiglia del malato è inevitabilmente un soggetto coinvolto in tutto il processo di cure, dall’assistenza alle decisioni di fine vita. Il suo ruolo tradizionale è però cambiato radicalmente: da un lato la responsabilizzazione del paziente l’ha relegata sullo sfondo; dall’altro l’aumento delle malattie croniche rispetto a quelle infettive e acute costringe i familiari a periodi spesso lunghi e dolorosi a fianco del malato. Anche la struttura della famiglia è cambiata: dalle famiglie unipersonali a quelle allargate, lo stesso concetto risulta di difficile definizione, fra la caratterizzazione dei vincoli di parentela e quella della coabitazione. Questi problemi (a cui si aggiungono, nel caso delle famiglie di immigrati, difficoltà linguistiche e culturali), rischiano di rafforzare l’atteggiamento di molti medici che vedono la famiglia come un elemento di disturbo. È però sempre più chiaro che la presenza dei familiari, a casa ma anche in rianimazione, si risolve in un vantaggio per il malato.

112 pagine, 10 euro.

La ricerca scientifica al vaglio dei comitati etici

Stampa
PDF

La ricerca scientifica al vaglio dei comitati etici.Sempre più persone sembrano convinte che la scienza e la tecnica siano opera di apprendisti stregoni, pronti a sovvertire le leggi di madre natura. In realtà la ricerca non è una forza da imbrigliare e contenere, e l’etica non è un cane da guardia. È uno strumento in più che serve alla medicina e al ricercatore per orientare in modo umano la ricerca. Per facilitare questo lavoro sono nati i comitati di bioetica, che proprio sulla ricerca hanno parere vincolante. Alcuni argomenti sono particolarmente delicati, come la sperimentazione sui minori e in genere sui soggetti più deboli, ma le insidie riguardano anche temi come certe terapie di avanguardia e la scelta degli end point. Come nella ricerca si pongono domande, altrettanto avviene nell’etica e nei comitati di bioetica. Di fronte alla ricerca il comitato è quindi un interlocutore aggiornato e sollecito, con la consapevolezza che nella gerarchia dei beni il primato va alla persona che soffre.

138 pagine, 12 euro.

Chi decide in medicina?

Chi decide in medicina?

Chi decide in medicina?

Questo libretto è dedicato ai medici che hanno poco tempo. Quelli che, pur essendo molto occupati, ritengono che valga la pena riflettere sul cambiamento in corso nei rapporti tra professionisti sanitari e pazienti e sul modo migliore di farvi fronte. Nasce da un prolungato lavoro di formazione condotto con medici e infermieri.

Ed.Zadig-Roma, 2002.
208 pagine, 15 euro

Leggi tutto...

 

L'ultimo libro a cura delProf. Sandro Spinsanti

Medicina e letteratura

Medicina e letteraturaQuando cultura era sinonimo di conoscenze letterarie, il medico si collocava fra le persone colte. Cechov, Schnitzler e Céline, per fare qualche esempio illustre, erano medici di professione e scrittori per vocazione. Oggi, nell’epoca della tecnologia, l’incontro fra medicina e letteratura è più arduo, ma anche più fecondo: non è solo un patrimonio culturale, ma la dimensione umanistica irrinunciabile per chi si occupa della salute.

Ed. Zadig Editore, 2009.
256 pagine, 16 euro

Leggi tutto...

 

Per ordinare

Per ordinare

Per ordinare i quaderni o le riviste, potete:

  • telefonare allo 06.8175644 e rivolgersi ad Angelo Todone (cell. 3939122552)
  • inviare una e-mail a janus@zadigroma.it
  • inviare un fax allo 06.8176140

e scegliere una delle seguenti forme di pagamento:

  • versamento su C/C postale n. 38909024 intestato a Zadig srl
  • versamento su C/C bancario intestato a Zadig srl
    Banco Posta C/C 38909024  CIN X  ABI 07601  CAB 03200, IBAN IT61X0760103200000038909024
  • assegno non trasferibile intestato a Zadig srl