Janus, Medicina: Cultura, Culture

Stampa
PDF

La rivista considera la medicina come una prassi in cui scienza e tecnica sono intrecciate con la cultura. O piuttosto con le culture. La medicina e la sanità, infatti, devono integrare i saperi che provengono dalle scienze della natura con quelli che affrontano interrogativi antropologici, sociali, etici; inoltre la cultura diventa sempre più una realtà plurale, in società fortemente segnate dall’immigrazione e dalla multietnicità. Il programma della rivista è sintetizzato simbolicamente dal titolo. Come il dio Giano, guarda in due direzioni contrapposte e complementari. La faccia che guarda verso il “futuro del presente” comprende un dossier monografico, un forum che informa su iniziative di particolare interesse, analisi approfondite di libri. La faccia che guarda verso il passato – “Il profitto della memoria” – realizza l’intento di andare incontro ai cambiamenti necessari senza rinunciare alle acquisizioni consolidate nell’ambito delle scienze, della riflessione filosofica, delle arti.

La rivista, che esce periodicamente quattro volte l’anno, è edita da Zadig-Roma

tel. 068175644, email: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. , sito: www.zadig.it

 

Janus 35

(2010)

Violenza e salute

Violenza e salute

La violenza non ha risparmiato, nel corso del tempo, nessuna delle istituzioni umane, neppure quelle a più alto profilo ideale. Alla violenza hanno fatto ricorso le religioni e anche la medicina. Nel caso di quest’ultima, sono stati commessi dei veri e propri crimini contro l’umanità, per servire a obiettivi stabiliti da un potere assoluto o a fini di ricerca...

Leggi tutto l'editoriale
Consulta l'indice

Janus 34

(2009)

Una medicina che abbracci la Terra

Una medicina che abbracci la Terra

La Terra è malata. Un urlo senza fine attraversa la natura: è da questa immagine, affacciatasi alla coscienza di Edvard Munch in una notte di incubo, che è nato il celebre quadro, diventato un’icona della modernità. Il grido ha preso ben presto forma di appello all’azione: da questa matrice è sorta la bioetica...

Leggi tutto l'editoriale
Consulta l'indice

Janus 33

(2009)

Vent'anni e più di cure palliative: maggiorenni?

Vent'anni e più di cure palliative: maggiorenni?

Il bilancio dello sviluppo delle cure palliative in Italia, che Janus propone su questo numero, è costruito sulla metafora di una parabola biografica. Avendo questa specifica pratica della medicina poco più di vent’anni, ci domandiamo qual è stata la sua infanzia, se e come si è resa autonoma dalla famiglia in cui ha avuto origine, in che modo è entrata nell’età adulta e soprattutto quali sono i suoi progetti...

Leggi tutto l'editoriale
Consulta l'indice

Janus 32

(2008)

Conflitti e composizioni in sanità

Conflitti e composizioni in sanità

Quando sopravviene un’emergenza ci si mobilita tutti, facendo fronte comune per scongiurare il pericolo: questa almeno è la nostra aspettativa ingenua. Sappiamo invece, per esperienza, che proprio in quelle situazioni emergono le contrapposizioni e i conflitti più profondi. È quanto avviene, impietosamente, anche quando l’emergenza si chiama malattia...

Leggi tutto l'editoriale
Consulta l'indice

Janus 31

(2008)

Sistemi sanitari universalistici nell'era della globalizzazione

Sistemi sanitari universalistici nell'era della globalizzazione

Azzardare previsioni sul futuro dei sistemi sanitari in questo momento di crisi appare temerario. Un movimento profondo sta sconvolgendo non solo l’economia ma tutti gli assetti sociali: nessuno può prevedere la fisionomia della società che emergerà dopo il riassestamento (se e quando avverrà). Eppure la crisi non comporta solo pericoli, ma anche opportunità...

Leggi tutto l'editoriale
Consulta l'indice

Janus 30

(2008)

Le cure servite a domicilio

Le cure servite a domicilio

«Gli ospedali sono solo uno stadio intermedio della civiltà: l’obiettivo finale è quello di assistere (to nurse) tutti i malati a casa loro». Un progetto utopico così generoso non può essere stato formulato che dalla nurse per eccellenza: Florence Nightingale. In controtendenza rispetto all’auspicio della disseminazione delle cure a domicilio, nei decenni seguenti l’ospedale si sarebbe affermato sempre più come cittadella...

Leggi tutto l'editoriale
Consulta l'indice

Janus 29

(2008)

Oltre la vita, al di qua della morte: sullo scomodo confine

Oltre la vita, al di qua della morte: sullo scomodo confine

«Io in certi momenti non riesco a capire bene [...] se facciamo del bene»: è l’affermazione di un medico, intervistato nel corso di una ricerca condotta da Guido Bertolini tra medici e infermieri di reparti di terapia intensiva sulle decisioni che devono prendere relative alla fine della vita. L’incertezza è duplice. Da un lato è di ordine pratico: «Facciamo del bene?» ...

Leggi tutto l'editoriale
Consulta l'indice

Janus 28

(2007)

Malattia e creatività

Malattia e creatività

Lo abbiamo constatato innumerevoli volte: per alcune persone l’esperienza di malattia è un evento positivo, inscritto in una storia che si racconta con piacere, per altre invece è solo catastrofe. Andare a finire bene o male non dipende solo dall’esito di guarigione o dalla sua mancanza: è legato piuttosto al modo in cui la malattia si integra nell’esistenza di una persona o di un nucleo familiare...

Leggi tutto l'editoriale
Consulta l'indice

Janus 27

(2007)

Vivere mala-mente: medicina e salute psichica

Vivere mala-mente: medicina e salute psichica

Il "mala-mente" che abbiamo preso a tema dell'"Obiettivo" non è un personaggio, ma una condizione del nostro vivere: ciò che grava in particolare sulla vita di alcuni, in misura maggiore che sulla vita di tutti. È pur vero che nell'insieme viviamo tutti piuttosto malamente, rispetto alle possibilità che avremmo come esseri umani...

Leggi tutto l'editoriale
Consulta l'indice

Janus 26

(2007)

Quando la medicina cura i sani

Quando la medicina cura i sani

Che cosa c'è, oltre la salute? La risposta scanzonata, che definisce la salute come uno stato di benessere provvisorio, dal quale non c'è da aspettarsi niente di buono, sembra passata di moda. Ora la tendenza è piuttosto quella di enfatizzare la possibilità di aumentare la salute; vale a dire: oltre la salute c'è...

Leggi tutto l'editoriale
Consulta l'indice

Janus 25

(2007)

Guadagnare salute

Guadagnare salute

Associando guadagno e salute, dobbiamo chiarire subito: non stiamo parlando di un guadagno sulla salute, ma di salute. Certo, l’industria della salute, che misura il guadagno in termini di fatturato, ha da tempo scoperto questo settore come uno dei più promettenti...

Leggi tutto l'editoriale
Consulta l'indice

Janus 24

(2006)

Formare e ri-formare

Formare e ri-formare

Sanitas semper reformanda: un programma ambizioso, modellato su quello che Lutero proponeva per la "Ecclesia". E, non meno del progetto rivolto a modificare una realtà religiosa, fonte di perplessità e di resistenze. Almeno quando la ricerca di una nuova "forma" è intesa in senso radicale. Nessuna obiezione, infatti, è sollevata in linea di principio nei confronti di una sanitas semper formanda...

Leggi tutto l'editoriale
Consulta l'indice

Janus 23

(2006)

Le professioni non mediche: figlie di un dio minore?

Le professioni non mediche: figlie di un dio minore?

Psicologi contro filosofi: è l’ultima novità nell’ambito dei conflitti tra le professioni. Motivo del contendere è chi sia legittimato a occuparsi della salute psichica delle persone. Di recente tra i filosofi va di moda proporre l’offerta di “counselling” filosofico; non gratuito, s’intende, ma come prestazione professionale...

Leggi tutto l'editoriale
Consulta l'indice

Janus 22

(2006)

Malato? Colpevole!

Malato? Colpevole!

Parlare di malattia e di colpa, facendola ricadere sul malato stesso, sembra un’impresa anacronistica. O contro natura, come far risalire l’acqua del fiume. Perché ormai, se di colpa legata alla malattia si parla, viene riversata sul medico. «Se il sintomo persiste, insultare il medico»: è una delle “frasi matte” raccolte da Stefano Bartezzaghi...

Leggi tutto l'editoriale
Consulta l'indice

Janus 21

(2006)

Sanità meticcia

Sanità meticcia

Il riduzionismo biologico sembra mettere la medicina al riparo dagli intricati problemi che nascono quando gli esseri umani sono considerati alla luce delle diversità prodotte dalle divaricazioni etniche, culturali, ideologiche, religiose. La biologia unifica e semplifica. E la medicina si occupa appunto del normale e del patologico solo dal punto di vista della biologia...

Leggi tutto l'editoriale
Consulta l'indice

Janus 20

(2005)

Naturale, artificiale: una rivisitazione

Naturale, artificiale: una rivisitazione

Nei piani alti della cultura non ci si stanca di interrogarsi sulla natura umana, su ciò che la definisce, sulle esigenze etiche che ne derivano. Il centro del dibattito è costituito dalla questione se ciò che possiamo e dobbiamo essere dipenda da ciò che siamo, ovvero se dalla descrizione della natura umana si possano derivare prescrizioni...

Leggi tutto l'editoriale
Consulta l'indice

Janus 19

(2005)

Vivere legati ad una macchina

Vivere legati ad una macchina

Il libro si presenta come un romanzo, anche se la parte riservata all’invenzione narrativa è molto esile rispetto alla descrizione dell’ambiente, degna di un reportage giornalistico. Tutta la vicenda si svolge in un reparto di terapia intensiva...

Leggi tutto l'editoriale
Consulta l'indice

Janus 18

(2005)

La malattia che verrà (forse...)

La malattia che verrà (forse...)

«Il problema principale della medicina – quello che rende la posizione del paziente così dolorosa, quella del medico così difficile, e far parte di una società che paga i conti così frustrante – è l’incertezza. Con tutto quello che sappiamo oggi sul corpo umano, sulle malattie e su come diagnosticarle e curarle, è difficile capirlo, è difficile cogliere la profondità dell’incertezza...

Leggi tutto l'editoriale
Consulta l'indice

Janus 17

(2005)

Comprare e vendere in medicina

Comprare e vendere in medicina

Ci introduciamo al tema su cui è focalizzato l’Obiettivo di questo numero di Janus passando, idealmente, attraverso una mostra. L’ha organizzata nel 1994 il professor Fabrizio Sabelli, che ha insegnato antropologia economica all’università di Ginevra. La mostra, intitolata Marx 2000, ruotava intorno a un’idea originale: Marx che ritorna, percorre il nostro mondo e lo rilegge...

Leggi tutto l'editoriale
Consulta l'indice

Janus 16

(2004)

Il buono e il cattivo uso dei comitati etici

Il buono e il cattivo uso dei comitati etici

I comitati etici non sono circondati da un alone di simpatia. Sia il sostantivo che l’aggettivo suscitano associazioni negative. Ai comitati si rivolge spesso l’accusa di inefficienza (secondo il detto: “Se vuoi che una cosa si faccia, falla; se vuoi che non si faccia, incarica un comitato”), oppure di essere un luogo di compromessi...

Leggi tutto l'editoriale
Consulta l'indice

Janus 15

(2004)

La salute un bene di famiglia

La salute un bene di famiglia

Vogliamo abolire la famiglia, unica mutua naturale, che ci assiste dalla culla alla bara, con efficienza, con prontezza, con affetto, senza costare nulla allo Stato?». La domanda retorica ha trent’anni: la lanciò Amintore Fanfani nel 1974, come appello finale della campagna referendaria per l’abolizione del divorzio...

Leggi tutto l'editoriale
Consulta l'indice

Janus 14

(2004)

Errori, pentimenti, riparazioni

Errori, pentimenti, riparazioni

Sbagliano i medici? Sì, certamente. E gli infermieri, e gli altri professionisti sanitari? Anche loro: chi più, chi meno. Chi per colpa, chi incolpevolmente. Chi come artefice dell’errore, chi come vittima di modi di organizzare il lavoro o di omissione nel rimuovere le cause strutturali dell’errore. Non esiste una pratica terapeutica senza possibilità di errore...

Leggi tutto l'editoriale
Consulta l'indice

Janus 13

(2004)

Fidarsi della scienza medica

Fidarsi della scienza medica

Non chiedete a Pinocchio se possiamo fidarci della scienza medica: la sua risposta sarebbe troppo scontata! Eppure questo personaggio resta un punto di riferimento obbligato, se è vero che è un prototipo di atteggiamenti molto diffusi, e non solo tra gli italiani. Pinocchio diffida della medicina e di chi l’esercita...

Leggi tutto l'editoriale
Consulta l'indice

Janus 12

(2003)

Alimentare la salute

Alimentare la salute

Dalla diaita della medicina ippocratica all’animato dibattito attorno ai cibi transgenici, l’alimentazione non ha mai perso il posto di grande rilievo che le compete nelle pratiche di salute. Perché il consumo alimentare è sempre accompagnato dal rischio di malattie, senza dimenticare le malattie che derivano dal non avere abbastanza da mangiare...

Leggi tutto l'editoriale
Consulta l'indice

Janus 11

(2003)

L'inganno in medicina

L'inganno in medicina

"Imparò qualcosa sui referti medici: più la gente sorride, più le notizie sono brutte”: il soggetto a cui è attribuita questa esperienza è un’adolescente, Calliope Stephanides, protagonista del romanzo di successo di Jeffrey Eugenides: Middlesex (Mondadori, 2002). Medici e genitori si sono alleati per proteggere la ragazzina quattordicenne da un’informazione traumatizzante...

Leggi tutto l'editoriale
Consulta l'indice

Janus 10

(2003)

Perdite, limiti e altre opportunità di crescita

Perdite, limiti e altre opportunità di crescita

Nessuno ama essere confrontato con i propri limiti. La medicina, non meno di altre realtà umane, preferisce definirsi per quello che riesce a fare, non attraverso quel confine dove vanno a infrangersi i suoi sforzi. Tanto più che la ragion d’essere dell'impresa medica è proprio la lotta sistematica contro le patologie che incombono sull’uomo, come minaccia per il suo benessere e per la vita stessa...

Leggi tutto l'editoriale
Consulta l'indice

Janus 09

(2003)

La salute dei poveri, la salute dei ricchi

La salute dei poveri, la salute dei ricchi

I poveri muoiono prima: questo slogan sintetico esprimeva, in uno scritto di Giovanni Berlinguer del 1968, la consapevolezza di una situazione di iniquità, sulla quale il partito comunista di allora fondava il suo impegno per la riforma sanitaria. Dieci anni dopo il Servizio sanitario nazionale, a base universalista, sarebbe diventato realtà...

Leggi tutto l'editoriale
Consulta l'indice

Janus 08

(2002)

Medicina al plurale

Medicina al plurale

Abitualmente parliamo di medicina al singolare. Sia che la consideriamo efficace o non efficace per risolvere i nostri mali, sia che la valutiamo buona o cattiva rispetto ai nostri criteri di qualità, ci riferiamo a una realtà omogenea e facilmente identificabile. Il plurale si impone solo quando emergono sulla scena le pratiche mediche non riconducibili a quella che rivendica il monopolio...

Leggi tutto l'editoriale
Consulta l'indice

Janus 07

(2002)

Retorica e medicina

Retorica e medicina

Tirare il collo alla retorica: è quanto si proponevano, come programma sintetico della nuova società a cui volevano dar vita, alcuni giovani che si erano opposti al fascismo. L’immagine efficace è proposta da Luigi Meneghello nel romanzo dedicato alla nuova generazione che usciva dalla resistenza, I piccoli maestri: «Mentre russi e alleati tiravano il collo ai nazisti, noi cercavamo almeno di tirarlo alla retorica...

Leggi tutto l'editoriale
Consulta l'indice

Janus 06

(2002)

Se la cura è di genere femminile

Se la cura è di genere femminile

L’attività con cui si erogano cure sanitarie ha un genere preferenziale? Stando all’antico mito latino riportato nel Liber fabularum dallo storiografo Igino (II sec. d.C.), Cura è una dea, di genere femminile. Il gesto di Cura che modella l’uomo dal fango è essenziale, se si vuole dar conto dell’esistenza umana nel corpo...

Leggi tutto l'editoriale
Consulta l'indice

Janus 05

(2002)

La medicina in guerra

La medicina in guerra

«Siamo in guerra»: ho questo proclama davanti agli occhi, in bella evidenza, sul mio tavolo di lavoro. La guerra a cui si fa riferimento non è quella contro il terrorista Bin Laden e gli Stati che lo sostengono, bensì l’iniziativa della Lega italiana contro i tumori, che ha messo lo slogan – «Siamo in guerra contro il cancro» – nel calendario per l’anno in corso...

Leggi tutto l'editoriale
Consulta l'indice

Janus 04

(2001)

Informazione comunicazione incontro

Informazione comunicazione incontro

L’incontro tra chi soffre di una patologia e chi offre servizi finalizzati alla guarigione diventa sempre più spesso uno scontro, con la tendenza a spostarsi dall’ospedale e ambulatorio alle aule dei tribunali; la comunicazione è frequentemente un dialogo tra sordi; l’informazione invece sembra essere diventata centrale nel rapporto clinico...

Leggi tutto l'editoriale
Consulta l'indice

Janus 03

(2001)

La ricerca sull'uomo - La ricerca con l'uomo

La ricerca sull'uomo, la ricerca con l'uomo

L’estate appena trascorsa ha portato alla ribalta, insieme alle futilità d’obbligo, anche i temi di grande serietà relativi alla ricerca biomedica: la sicurezza dei farmaci a cui facciamo con sempre maggiore frequenza ricorso, il ruolo delle grandi aziende farmaceutiche che li producono e li commercializzano, i compiti di controllo e di garanzia che spettano allo stato...

Leggi tutto l'editoriale
Consulta l'indice

Janus 02

(2001)

Guaritori da guarire

Guaritori da guarire

Quanto costa curare le malattie e assistere le persone afflitte da disagi psicologici e disadattamenti sociali? Da circa un decennio si sono moltiplicati gli esperti che sanno quantificare il peso economico delle cure. La voce degli economisti sanitari sovrasta qualsiasi tentativo di individuare altri costi, di natura personale...

Leggi tutto l'editoriale
Consulta l'indice

Janus 01

(2001)

Il dolore non necessario

Il dolore non necessario

Perché una nuova rivista dedicata alla medicina? Accogliendo senza tergiversare la più diretta delle domande, rimandiamo alla risposta fornita implicitamente nel titolo della rivista: perché la medicina è un’attività che richiede riflessione; perché è una prassi in cui scienza e tecnica sono intrecciate con la cultura; perché anche la medicina deve affrontare il compito nuovo di declinare la cultura al plurale...

Leggi tutto l'editoriale
Consulta l'indice

Chi decide in medicina?

Chi decide in medicina?

Chi decide in medicina?

Questo libretto è dedicato ai medici che hanno poco tempo. Quelli che, pur essendo molto occupati, ritengono che valga la pena riflettere sul cambiamento in corso nei rapporti tra professionisti sanitari e pazienti e sul modo migliore di farvi fronte. Nasce da un prolungato lavoro di formazione condotto con medici e infermieri.

Ed.Zadig-Roma, 2002.
208 pagine, 15 euro

Leggi tutto...

 

L'ultimo libro a cura delProf. Sandro Spinsanti

Medicina e letteratura

Medicina e letteraturaQuando cultura era sinonimo di conoscenze letterarie, il medico si collocava fra le persone colte. Cechov, Schnitzler e Céline, per fare qualche esempio illustre, erano medici di professione e scrittori per vocazione. Oggi, nell’epoca della tecnologia, l’incontro fra medicina e letteratura è più arduo, ma anche più fecondo: non è solo un patrimonio culturale, ma la dimensione umanistica irrinunciabile per chi si occupa della salute.

Ed. Zadig Editore, 2009.
256 pagine, 16 euro

Leggi tutto...

 

Per ordinare

Per ordinare

Per ordinare i quaderni o le riviste, potete:

  • telefonare allo 06.8175644 e rivolgersi ad Angelo Todone (cell. 3939122552)
  • inviare una e-mail a janus@zadigroma.it
  • inviare un fax allo 06.8176140

e scegliere una delle seguenti forme di pagamento:

  • versamento su C/C postale n. 38909024 intestato a Zadig srl
  • versamento su C/C bancario intestato a Zadig srl
    Banco Posta C/C 38909024  CIN X  ABI 07601  CAB 03200, IBAN IT61X0760103200000038909024
  • assegno non trasferibile intestato a Zadig srl